NON SANNO CHE COSA SI PERDONO!

 

 

A Loredana e Franco

 

I giovani non conoscono il congiuntivo,
né la gioia e la trepidazione di attendere
per mesi una letterina della tua amata,
restandoci poi male se dentro non c’era
almeno una singola sfocata fotografia
Polaroid; oppure un biglietto del teatro
o il menù, di dove era stata con i suoi.
Non possono sapere che cosa significhi
attendere anche per anni una bici nuova,
oppure stare per ore in vana speranza
che la biondina e la brunetta passassero
lungo la strada del paesello fatto di sassi.
Il genio molto poco geniale della lampada
gli dà qualsiasi cosa e quasi in tempo reale,
meglio di un assai comodo negozio virtuale,
visto che qui non serve nemmeno pagare.
Ma così nessuna cosa sarà mai più preziosa,
arricchita da tempo, gioia e paziente attesa!

 

 

 

PoetaMatusèl legge
NON SANNO CHE COSA SI PERDONO!

 
 
 
 
 

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, scritto qui sotto – o un ‘Mi Piace’ cliccato – non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un GRANDE piacere a me, quando lo leggerò! Grazie.   :O)

 

Copyright © 2016 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

QUASI PASQUA, DI PIOGGIA

 

 

Aspettiamo la pioggia promessa di Pasqua,
temporeggiando su visite a pronti soccorsi
per improvvisa inattesa ipertensione
arteriosa, che si aggiunge ad una dozzina
di altre piccole e grandi magagne di vario
genere, che in realtà sarebbero proprio
da accogliere come strenne pasquali
che ci regala un cielo che poco promette
di buono, se non acqua non necessaria.
Accoglierle dunque come manna, davvero,
perché, in fondo in fondo, a pensarci bene,
a mente lucida, colazione ormai fatta,
persino gli acciacchi sono segni che
– in barba ai fattori contrari, alla sfiga
di sempre, karma in caduta, congiunzioni
di astri contrari, leggi di Murphy e quant’altro –
noi, (s)fortunati, gli eletti, ancora viviamo!

 

 

 

 

PoetaMatusèl legge
QUASI PASQUA, DI PIOGGIA

 
 
 
 

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, scritto qui sotto – o un ‘Mi Piace’ cliccato – non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un GRANDE piacere a me, quando lo leggerò! Grazie.   :O)

 

Copyright © 2015 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

FUNERALE DA RIMANDARE

 

 

Cammino su foglie di vetro,
crepitanti ma tenui petardi,
pensando a una vita sprecata
procrastinando tutto, non solo
l’inevitabile epilogo, ovvio,
ma le azioni importanti, atti
che avrebbero, almeno in teoria,
potuto determinare rotte diverse,
verso più placidi lidi, tranquille
spiagge di sabbie dorate dai sogni
più sciocchi ed ingenui, magari,
però sempre calde, nei dodici mesi.
Non stare qui, un giorno alla volta,
ad arrovellarmi il vecchio cervello
su nuovi modi per sbarcare il lunario,
prorogando – amleticamente – partiti
da prendere, invece, con debita celerità!

 
 

 

PoetaMatusèl legge
FUNERALE DA RIMANDARE

 
 
 
 

COMMENT

Prezioso Visitatore, che mi leggi: un breve commento, magari anche solo un saluto, scritto qui sotto, o un ‘Mi Piace’ cliccato, Ti costa solo un piccolo sforzo, però fa un GRANDE piacere a me, che lo trovo! Grazie. :O)

 

Copyright © 2014 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

PERFETTA EFFICIENZA

 

 

Oggi nemmeno il gheppio osa volare:
sta rintanato in qualche sottotetto
di vecchio casolare in mezzo alla
campagna satura, sterminata.

Però l’airone grigio è sempre là,
impavido, imperterrito, spietato,
imperturbabile in riva al suo fosso,
per poi muoversi all’improvviso:
con fulmineo, repentino guizzo.

E allora per un’anguilla o pesce
non c’è più nemmeno tempo
per quell’ultima bestemmia
contro divinità che non esistono.
Non c’è più né tempo, né pietà,
né misericordiosa redenzione!

 

 

PoetaMatusèl
legge PERFETTA EFFICIENZA

 

 

 

Copyright © 2014 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

GREAT EXPECTATIONS

 

Sereno dopo la tempesta - Foto Guido Comin

 

Il falco mi aspetta ogni giorno
sui fili dell’alta tensione:
devo pensare che attenda
proprio me, perché credo che
pochi altri ormai lo notino,
cacciatore astuto, stupendo,
solitario soggetto e paziente.

 

E, dopo la neve in montagna,
è schiarita, qui nella pianura,
e vedo – benché assai da lontano –
i miei monti, che spesso (o a volte?)
ritrovo felice e a volte il mio cuore
invece decisamente maledice.

 

E navigo rotatorie tra i sassi e ormai
non piove già più, però stasera
farà buio, di sicuro, un po’ prima.
È un inverno un po’ come la vita,
che oggi spesso promette, minaccia,
però poi lascia in attesa: ma di cosa?

 

Falco sul filo - Foto & artwork Guido Comin

 

PoetaMatusèl legge:   GREAT EXPECTATIONS

 

Monti all'orizzonte - Foto Guido Comin

Copyright © 2013 Guido Comin – Belluno, Italy. All rights reserved.

 
 
 

.