Sprazzi di azzurro,

ora attende paziente il

ginkgo biloba.

 

 

 

 

Non basteranno

ringhiere ed inferriate

contro le masse!

 

 

 

 

Partendo, mi ha

solo sfiorato – dito

di divinità.

 

 

 

 

Divertiti tu,

mite animaletto –

prima del gatto!

 

 

 

 

Un palloncino,

prigioniero di nuovo:

pensiero vano.

 

 

 

 

Ultimi tenui

bagliori, crepuscolo –

assenti gli dei!

 

 

 

 

Silenzio vola

sul mio pensiero vacuo –

airone bianco.

 

 

 

 

Mi accorgo di non

essere di me stesso

ombra nemmeno.

 

 

 

 

Limiti? Sono

soltanto quelli che noi

stessi imponiamo!

 

 

 

 

Vorrei davvero

avere una faccia di

tenera pietra.

 

 

 

 

E poi spiccare

l’ultimo, lungo volo,

su ali amare.

 
 
 
 
 
 
 
 

COMMENT

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, magari anche solo un saluto, scritto qui sotto, o un ‘Mi Piace’ cliccato, Ti costa solo un piccolissimo sforzo, però farà un GRANDE piacere a me, quando lo leggerò! Grazie.   :O)

 

Copyright © 2015 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

Di PoetaMatusèl

PoetaMatusèl - alias Guido Comin - nasce a Meano di Santa Giustina, un grazioso paesino del Bellunese. Dopo una vita trascorsa, svolgendo le attività più svariate, in Germania, Svizzera, Inghilterra e Danimarca, rientra in Italia nel 2000. Riscoprendo la propria lingua natia, abbandona quasi completamente la scrittura di poesie in altre lingue europee, per dedicarsi più spesso a componimenti in italiano, con qualche rara incursione nel dialetto bellunese. Scrive versi dai tempi dell'infanzia, ma fino al 2014 pubblica solo sul blog (ora: poetamatusel.org) ed altre piattaforme virtuali. In quell'anno, esce il suo primo libro, "I Versi dell'Airone". Pubblica successivamente quattro altre sillogi poetiche, di cui una in inglese. In arrivo un'autobiografia! Qui su YouTube presenta, tra le altre cose, alcuni esperimenti 'videopoetici'. In Italia, tra il 2000 e il 2016, organizzava regolarmente incontri ed eventi poetici, insieme ad amici poeti e musicisti. Dal 2016, vive e lavora a Berlino. *

8 pensiero su “HAIKU DI (QUASI) PRIMAVERA”
  1. mi incanto… poche parole, quasi solo sillabe, ed un intero mondo appare. dov’è nascosto se non nel tuo cuore?

  2. Ciao
    ti ho scoperto grazie a “Diaolin” . Mi piace questa tua filosofia di vita che tanto si discosta da quella globalizzata. Splendide le foto e azzeccato l’accostamento poetico.
    Iaio

    1. Grazie di cuore per questo bellissimo apprezzamento!! Sono sempre sincero in ciò che scrivo e scrivo solo ciò che penso e sento veramente: ed ecco i risultati! Bello vedere che ogni tanto qualcuno capisce. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.