TENERA MATTINATA TRENTINA

 

 

Scorgo, tra i rami, un nido di corvo,
ora che foglie si fanno più rade.
Pigra svolazza tra viti una gazza
e un unico merlo saluta il mattino.
La valle è fresca di nuvole lievi
e il cuore leggero, per buone parole.
Il corpo acciaccato accetta lo scambio,
non equo, ma tutto a favore dell’anima.
La strada m’invita a un discendere facile,
ma io, se pur vecchio, un falco rimango
e tuttora anelo, piuttosto, alle nuvole alte,
che, tiepido, il sole non penetra ancora.
Per attimi sapidi, magici, quasi beati,
mi mancano solo cascate di riccioli!

 

 

PoetaMatusèl legge
TENERA MATTINATA TRENTINA

 

 

 

Copyright © 2014 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

8 commenti su “TENERA MATTINATA TRENTINA

  1. andrea brugnara ha detto:

    Leggera e aerea come un fresca mattina autunnale, melanconica eppur serena.

    • PoetaMatusèl ha detto:

      Grazie, Andrea, i tuoi commenti sono sempre molto speciali e hai colto perfettamente lo spirito e l’intenzione! :o)

  2. ombreflessuose ha detto:

    Gradita molto
    Certe mattine fanno poesia
    Sorrisi
    Mistral

  3. Roberto_Maestri ha detto:

    Il suono dei passi nelle mattine d’autunno.

  4. Mauro Pallaver ha detto:

    “Pigra svolazza tra viti una gazza
    e un unico merlo saluta il mattino”. Quando guardare e’ anche vedere, quando vedere e’ anche sentire…
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.