VAGHE REMINISCENZE DI VERMEER

 

 

A Desara, che rimane sempre una Musa

 

Ragazza, Tu non ci sei ma non sparisci,
ma rischiari giorni cupi con dolci sorrisi
e quando penso ai tuoi occhi buoni sento
qualcosa di indefinibile nell’anima, un velo
che mi accarezza, delicato come un’amante.

Fu il nostro un incontro improbabile, male
scarabocchiato in qualche librone del fato,
che girò subito pagina quel vento di mare;
un dado che forse non venne mai tratto.

E poi Tu sei quasi sparita, ma solo quasi,
perché divenisti una musica dolce di ali,
ritmate assonanze di lunghi versi, assolati,
diventando così insostituibile ispiratrice
di poesia tenera, delicata, che dice e non dice.

Ma Tu l’avevi capito di esserti trasformata
nella dolce modella dall’orecchino di perla?

 

 

PoetaMatusèl legge
VAGHE REMINISCENZE DI VERMEER

 
 
 
 

COMMENT

Prezioso Visitatore, che mi leggi: un breve commento, magari anche solo un saluto, scritto qui sotto, o un ‘Mi Piace’ cliccato, Ti costa solo un piccolo sforzo, però farà un GRANDE piacere a me, che lo trovo! Grazie. :O)

 

Copyright © 2014 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

2 commenti su “VAGHE REMINISCENZE DI VERMEER

  1. Desara ha detto:

    i tuoi componimenti sono sempre molto belli soprattutto quelli rivolti a me!Grazie :*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.