STAVAMO MEGLIO QUANDO…

 

 

Passo per i paesi a radio spenta,
per meglio sentire voci del passato,
ma più non odo voci di monelli che
schiamazzano per strada, oppure
tramano, pianificano le prossime
bravate o marachelle – nostrani
Huck o Tom, ma di ben altri tempi.
Quando tutto sembrava ancora assai
normale; e una gita scolastica portava
a riassaporare i profumi di latteria, tra
vasche di rame e presse da formaggio;
quando a scuola si andava solo a piedi,
con pioggia, vento o neve, e poi la stufa
calda e le pantofole; e Natale sembrava
non arrivare mai; e possedere infine la
sognata bicicletta era davvero la Felicità.
Eravamo apprendisti stregoni, tutti quanti,
e il futuro non sarebbe mai venuto e forse
(fortuna nostra!) nemmeno la pleistèscion…

 

 

 

 

PoetaMatusèl legge
STAVAMO MEGLIO QUANDO…

 
 
 
 
 

  

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un enorme piacere a me, quando lo leggerò! Grazie di cuore!!   :O)

 

Copyright © 2017 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.

6 commenti su “STAVAMO MEGLIO QUANDO…

  1. denise ha detto:

    Ciao Guido!
    Questa mi tocca. Condivido il sentire di ogni riga…, ma sono più giovane io! Sarà che allora i cambiamenti non accadevano così repentinamente come nei tempi moderni?
    Che tenerezza la tua foto!

    • PoetaMatusèl ha detto:

      Che bella sorpresa, Denise carissima, grazie!! 🙂 Sei più giovane, eccome, eppure sembra che apparteniamo comunque alla stessa epoca, se tu ti identifichi così profondamente con i miei versi. Tutto è cambiato e troppo e troppo in fretta. E magari fosse cambiato tutto per il meglio! 🙁

  2. Gianni Carlin ha detto:

    Io sono di un’altra generazione, Guido, ma questa mi è arrivata dritta in fondo all’anima. Mi pare, leggendo, di essere in auto accanto a te e sentire i tuoi pensieri, come una voce fuori campo nei film. Sei sempre grandissimo!

    • PoetaMatusèl ha detto:

      Caro Gianni, forse in un certo senso tu sei più della mia generazione che della tua e forse anche per questo ci siamo subito trovati in sintonia noi due! I tuoi coetanei sono purtroppo spesso superficiali, quando non addirittura completamente vuoti… Grazie molte per il tuo costante apprezzamento!! 🙂 🙂 🙂

      Guid:o)

  3. Stefy ha detto:

    Leggere le tue parole è stato come fermarsi, chiudere gli occhi, aprire il cuore e rivivere momenti, risentire profumi, riprovare emozioni che credevo dimenticate… starò invecchiando?;-)

    • PoetaMatusèl ha detto:

      Cara Stefy, stiamo tutti invecchiando e per fortuna, perché il bagaglio delle nostre esperienze, aumentando, espande di pari passo le possibilità di nuove grandi emozioni, anche legate al passato! Quando i miei versi suscitano in chi li legge o li ascolta forti emozioni, allora – e solo allora! – mi sembra davvero che sia valsa la pena di averli scritti. Grazie! 🙂

      And welcome back!! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.