FORSE PURAMENTE PER IPEROSMÌA

 

 

Vi sono giorni in cui ovunque intorno sento
odore di morte, come un tanfo di fiori marciti
nei cimiteri scordati, o l’odore di sogni falliti.

L’odore di chi si sposa e poi, tra non molto,
sgozza tranquillo la sposa, come fosse un
capro espiatorio di chissà quali terribili colpe.

L’odore di presunta libertà, diritti, democrazia,
sovranità – di un intero popolo anestetizzato –
mentre è sì l’acre odore del tutto, però putrefatto!

Rinite cronica: a volte il non possedere un olfatto
perfetto potrebbe aiutarci ad andare imperterriti
avanti, fingendo che tutto profumi soltanto di rose.

 

 

PoetaMatusèl legge
FORSE PURAMENTE PER IPEROSMÌA

 

Copyright © 2014 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

2 commenti su “FORSE PURAMENTE PER IPEROSMÌA

  1. Anonimo ha detto:

    Anche con la rinite, mio caro, non si può fare a meno di sentire l’acerrimo pestilenziale esalazione che vien su da tal Geenna Arcoriana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.