ENEIDI DANTESCHE … E QUANT’ALTRO

 

 

Squilla un telefono: un giorno di grigio qualunque
diventa di colpo un tramonto di splendido sole!
Poi, mentre la luce incomincia a scemare, pian piano,
la gioia di presto vederti intensifica tutti i colori,
che prima sembravano smorti, all’ombra dei tanti
magnifici alberi e arbusti di questa golena deserta,
più belli perché ancora spogli di verde importuno.

 

Vengo a cercare altro albero, spoglio, morto, infelice,
che un giorno visse, per poco, del tuo felice sorriso,
della mia momentanea serenità, immeritata ma dolce
comunque, in questo mio traghettare senza orari
né tempi e verso destinazioni poco palesi ma certe.
Poiché questo irreparabile, lento marasma dell’anima
porta non a meandri di fiumi qualsiasi, ma Stigie paludi!

 

 

PoetaMatusèl legge
ENEIDI DANTESCHE … E QUANT’ALTRO

 

 

* YouTube *   Questa poesia era nata come un “videoappunto”…

 

Copyright © 2014 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

3 commenti su “ENEIDI DANTESCHE … E QUANT’ALTRO

  1. Teri ha detto:

    poetamatusel.com has potential, you can make your blog go viral
    easily using one tricky method. Just type in google:

    Kimting’s Method To Go Viral

  2. Anonimo ha detto:

    Ma c’è molta tristezza in questa poesia!

    • Anonimo ha detto:

      NOO!! La fine è venuta così, ma la parte essenziale, il messaggio principale sta in questi versi:

      “Squilla un telefono: un giorno di grigio qualunque
      diventa di colpo un tramonto di splendido sole!”

      Grazie per l’interesse! Ho capito chi sei… 😉

      PoetaMatusèl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.