OCCHI – REAZIONE UGUALE E CONTRARIA

 

 

Ho tolto l’arresto al manubrio della martinicca
e il vecchio carro, fermo da tempo immemore,
ha ripreso a muoversi sui dislivelli della vita.
Potrebbe essere stato solo un gesto distratto,
mentre mi perdevo nel profondo dei tuoi occhi,
ma ormai il carro sta correndo ed accelerando,
sferragliando faville sulle discese di porfido:
il vecchio cuore, che si era a lungo assopito,
attendeva solo la scintilla di quei tuoi occhi …
Ma c’entrano poco le leggi della fisica, semmai
si potrebbe parlare, tutt’al più, di biochimica!

 

 

  PoetaMatusèl legge OCCHI – REAZIONE UGUALE E CONTRARIA

 

  Eugenio Montale, Mottetti – 10,
  con versione inglese di Alan Tucker

 

Copyright © 2013 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

2 commenti su “OCCHI – REAZIONE UGUALE E CONTRARIA

  1. yoklux ha detto:

    L’ha ribloggato su CONSERVIAMO LA POESIAe ha commentato:
    …le leggi della fisica…

  2. PoetaMatusèl ha detto:

    Quando sembra che tutto stia rallentando, fino a fermarsi; oppure andare avanti solo per inerzia, a volte basta una scintilla – un evento magari anche piccolo, ma tuttavia significativo – perché il Tutto si rimetta in moto. Forse una folgore…

    Nulla finisce, o tutto, se tu fólgore
    lasci la nube.

    (Eugenio Montale – sopra, trovate il link alla poesia completa)

    Il titolo delle poesia si riferisce, ovviamente, alla 3a Legge della Dinamica, che ci insegna che “Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria.” Nota anche come principio di azione e reazione: le forze nascono sempre dall’interazione tra due corpi.

    “Corpi”? Sì, anche CORPI! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.