SE NON FOSSE PER TE…

 

 

A   Gi

 

Se non fosse per te, che colori il mattino,
anche quando troneggia un grigio totale;
se non fosse per te, che mi fai camminare
su nordici laghi ghiacciati di fragili sogni;
se non fosse per te, che mandi in momenti
cruciali dolcissimi segni, anche subliminali,
d’incontri con miti bestiole, nuvole e lune;
se non fosse per te, che inciti a scendere
ancora nell’arena di lotte assai improbe;
se non fosse per te che ispiri, incessante,
quei versi di cui, mio malgrado, ancora io
vivo e mi nutro ogni giorno di solitudine…
Se non fosse per te: l’immaginabile fine!

 

 

 

AUDIO * FILE * AUDIO PoetaMatusèl legge
SE NON FOSSE PER TE…

 

Il titolo è stato ispirato da
‘Tutto Quello Che Un Uomo’
di Sergio Cammariere

 

 

 

  

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un enorme piacere a me, quando lo leggerò! Grazie di cuore!!   :O)

 

Copyright © 2017 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.

OGGI QUA, DOMANI CHISSÀ…

 

 

Dedicata a tutte quelle Donne
che non ho smesso mai di Amare

 

Siamo, oggi, entrambi Tu ed io ancora qua;
domani cosa importa, che forse mai sarà?
Ti guardo, sei bella, piaci troppo, te lo grido!
Senza falsi pudori, dubbi, ipocrite perifrasi.
Anche perché potrei, presto, più non esserci.
E intanto proseguiamo senza parole il viaggio,
la nebbia blocca il respiro e offusca gli occhi,
e nemmeno stiamo vicini, eppure sei Tu che vivi
in uno di quegli angoli di cuore, dove Tu sola
potresti abitare. In quelle stanze dell’anima,
dove in grandi boschi, lussureggianti di sogni,
passeggiano inquieti spiriti di amori mai finiti.
E poi io non vorrei che, dopo il mio trapasso,
Tu dovessi tormentarti nel richiederti: Chissà,
se forse era lui l’unico, lui che non diceva, ma
in realtà ardentemente mi adorava?

 

 

 

 

PoetaMatusèl legge
OGGI QUA, DOMANI CHISSÀ…

 
 
 

  

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un enorme piacere a me, quando lo leggerò! Grazie di cuore!!   :O)

 

Copyright © 2017 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.

PETIT ONZE DEL GUANTO DI GOMMA

 

 

Amore?
È un
guanto di gomma –
perfetto, finché non si
buca.

 
 
 
 
 
 

  

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un enorme piacere a me, quando lo leggerò! Grazie di cuore!!   :O)

 

Copyright © 2017 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.

STRANA NOTTE DI VERSO FINE MAGGIO

 

 

A    M.

 

Di fuori, stasera, un tanfo tremendo:
forse hanno aperto di nuovo le stalle.
E forse è il profumo della campagna,
perché tutto dipende da come stiamo.
La luna oramai non è già più piena
e perseveranti falene rischiano meno
alla tiepida luce del vecchio tavolo,
che in voli, pur liberi, di pipistrelli!
Fra i miei cento vani pensieri confusi,
uno non vuole lasciarmi, come quelle
caparbie falene che ancora svolazzano
là, intorno a quel lume; senza senso,
come loro, si accanisce, mi bussa alla
porta del senno, che nega di aprirgli.
Preferisco pensare se tutti vivranno
i miei piccoli merli, in giardino, e poi
mi chiedo se di nuovo passeggi quel
giovane riccio inesperto, là fuori, ma
mi trattiene un altro bicchiere di Franc.
Vorrei che potessi essere Tu quel sogno
nuovo e stupendo che possa salvarmi,
ma, se un sogno, sei un sogno del tutto
proibito e non solo per troppi anni che
ci disuniscono, ma perché – soprattutto –
venti diversi ci portano verso mete a noi
del tutto ignote e, per entrambi, remote!

 

 

 

 

PoetaMatusèl legge
STRANA NOTTE DI VERSO FINE MAGGIO

 
 
 

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un enorme piacere a me, quando lo leggerò! Grazie di cuore!!   :O)

 

Copyright © 2016 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.

ANCHE SE DORMISSI SOTTO UN PONTE…

 

 

A   Gi

 

È scoppiato ovunque il maggiociondolo
(che su a Londra si chiama laburnum)
e le acacie sono stracariche di grappoli,
mentre vago per colli, ubriaco di sogni,
e mi stordiscono ricordi di quei tuoi occhi.
Vigneti promettono doni ben più tangibili
e medito su come sarebbe assai facile
stordirsi invece soltanto di fumi etilici,
anziché perdersi in molli meandri onirici.
Volano basso, oggi, le mie miti rondini:
le loro lunghe code sono le tue dita che,
dolci, accarezzano il mio cuore azzimo.
E mentre amiche rare mi consolano, una
serenata di raganelle ride alla luna, che
questa sera ci insegna l’imperfezione.
Poi ricci – spinosi e dolci come sai essere –
passano a salutare senza troppe pretese.
Allora, persino un divano potrà sembrare
un grande talamo, degno di imperatori!

 

 

 

PoetaMatusèl legge
ANCHE SE DORMISSI SOTTO UN PONTE …

 
 
 

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un enorme piacere a me, quando lo leggerò! Grazie di cuore!!   :O)

 

Copyright © 2016 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.