SOLTANTO ALLORA …

 

 

Quando anche l’ultima foglia del ginkgo sarà caduta,
a marcire con le altre su un’improbabile erba labile;
quando l’azzurro tiepido del cielo prevedibilmente
ritornerà a rimpiazzare questi soffitti di color piombo;
quando le parche nevi cadute a sprazzi sui miei monti
andranno nuovamente a rimpinguare i fiumi assetati;
quando i fiori troppo presto schiusi sui rami del pesco
saranno stati sterminati come tanti bimbi innocenti;
quando anime in pena imperterrite continueranno
ad insistere lungo il cammino per inferni imminenti;
allora dovremo finalmente una volta ancora decidere
se ci va di fare un altro giro di giostra, o se invece
non vorremo piuttosto scendere, risolutivamente.

 

 

 

PoetaMatusèl legge
SOLTANTO ALLORA …

 
 
 
 

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, scritto qui sotto – o un ‘Mi Piace’ cliccato – non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un GRANDE piacere a me, quando lo leggerò! Grazie.   :O)

 

Copyright © 2016 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

Please follow and like us:
0

NON TUTTO È PERDUTO, NON ANCORA

 

 

Ai migliori Amici di questo mesto momento: Franco,
Giulia, Giuliano, Matthias, Nick, Patrizia & Rita

 

Mentre rovisto fra le immani macerie
di un nontrascurabile attentato alla vita,
trovo di tutto, non solo manoscritti
di remote ma delicate poesiole infantili.
Anche macchine fotografiche antiche
e vecchie lettere di amici mai perduti
e macchine da scrivere indimenticabili.
Tra una lacrima e una quasibestemmia,
smantello i tanti pezzi di un’esistenza
e mi sento come un anziano circense
che sta smontando il tendone dei sogni,
dopo un ultimo spettacolo poco riuscito.
Perfino il cielo, troppo azzurro, beffardo,
oggi ancora una volta mi prende in giro,
tra le folte foglie troppo gialle del ginkgo.
Eppure rimangono, tuttora, tanti Amici!

 

 

 

PoetaMatusèl legge
NON TUTTO È PERDUTO, NON ANCORA

 
 
 
 

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, scritto qui sotto – o un ‘Mi Piace’ cliccato – non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un GRANDE piacere a me, quando lo leggerò! Grazie.   :O)

 

Copyright © 2015 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

Please follow and like us:
0

HAIKU DI (QUASI) PRIMAVERA

 

 

 

Sprazzi di azzurro,

ora attende paziente il

ginkgo biloba.

 

 

 

 

Non basteranno

ringhiere ed inferriate

contro le masse!

 

 

 

 

Partendo, mi ha

solo sfiorato – dito

di divinità.

 

 

 

 

Divertiti tu,

mite animaletto –

prima del gatto!

 

 

 

 

Un palloncino,

prigioniero di nuovo:

pensiero vano.

 

 

 

 

Ultimi tenui

bagliori, crepuscolo –

assenti gli dei!

 

 

 

 

Silenzio vola

sul mio pensiero vacuo –

airone bianco.

 

 

 

 

Mi accorgo di non

essere di me stesso

ombra nemmeno.

 

 

 

 

Limiti? Sono

soltanto quelli che noi

stessi imponiamo!

 

 

 

 

Vorrei davvero

avere una faccia di

tenera pietra.

 

 

 

 

E poi spiccare

l’ultimo, lungo volo,

su ali amare.

 
 
 
 
 
 
 
 

COMMENT

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, magari anche solo un saluto, scritto qui sotto, o un ‘Mi Piace’ cliccato, Ti costa solo un piccolissimo sforzo, però farà un GRANDE piacere a me, quando lo leggerò! Grazie.   :O)

 

Copyright © 2015 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

Please follow and like us:
0

FIRST DAYS OF YET ANOTHER NEW YEAR (WITHOUT YOU)

 

 

For my own blue-eyed Lisa

 

And now I can no longer like that sea
that envied you the colour of your eyes,
that jealous sea that would have liked
to be in my place, to keep you for itself.

For, everywhere I look, I see you eyes:
in patches of sky between the yellow
ginkgo biloba leaves, the last of winter;
among the fluffy clouds of early mornings;

below first hints of evenings far too early,
or over lightly-frosted sleeping grasses,
where not too high above the kestrel hovers,
having spotted tasty rewards for patience.

So I prefer to walk on beds of quiet rivers
that have never borne your tender steps,
nor should ever know of your existence.
Yet, even there, I clearly feel your presence!

 

 

 

PoetaMatusèl reads
FIRST DAYS OF YET ANOTHER NEW YEAR (WITHOUT YOU)

 

 

* LINK *Petrarch’s Sonnet XXXV – ‘Solo et pensoso i più deserti campi …’

 

 

 
 
 
 

COMMENT

Prezioso Visitatore, che mi leggi: un breve commento, magari anche solo un saluto, scritto qui sotto, o un ‘Mi Piace’ cliccato, Ti costa solo un piccolo sforzo, però farà un GRANDE piacere a me, che lo trovo! Grazie. :O)

 

Copyright © 2015 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

 

 

.

Please follow and like us:
0

CARAMELLE DAL CIELO

 

Tra le foglie del ginkgo le stelle
stanotte in giardino ho trovate,
mentre il cane annusava la terra
e distante un galletto precoce
l’alba ancora lontana fiutava.
Te le porterò magari domani
o in un altro giorno qualunque
– che non sia di domenica –
però senza fretta eccessiva,
come se esse non fossero che
comunissimi dolci dal cielo,
caramelle … brillanti di luce!

 

 

     

Legge PoetaMatusel:   CARAMELLE DAL CIELO

 

Copyright © 2012 Guido Comin – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.

Please follow and like us:
0