PROFUMO DI MORTE

 

 

Ho messo sul comodino il calycanthus,
per vedere se potessi addormentarmi
illudendomi che la vita sia pure
qualcosa di delicato e profumato.
Però poi ho sognato bambini uccisi
in paesi dove vive la barbarie;
ho sognato ragazze stuprate e poi
date anche tranquillamente alle fiamme;
ho sognato bei barconi che affondano
nei mari nostri di vergogna infinita,
stroncando anche vite neonate o non nate!
Poi, in mezzo a cotanta disperazione,
ho visto porci davanti a trogoli pieni
di carni immolate per loro, avidi
di tutto quel poco che è nostro, che loro
vogliono sottrarci, verri malefici.
Allora mi sveglio, in un tanfo atroce
e che, di sicuro, non è il calicanto…

 

 

PoetaMatusèl legge
PROFUMO DI MORTE

 

Da “I Versi dell’Airone”, di Guido Comin PoetaMatusèl.
Copyright © 2014 Albalibri Editore. All rights reserved.

 

 

 

.

Please follow and like us:
0

5 commenti su “PROFUMO DI MORTE

  1. Anonimo ha detto:

    si, davvero, la foto è tragica e sconvolgente, non lascia indifferenti, sale la rabbia… Hai reso bene lo stato d’animo di molti.

  2. Anonimo ha detto:

    …ho un dolore infinito, anche a me non danno pace vedere queste immagini e tante altre dove l’orrore della guerra del potere non ha più un briciolo di umanità , gente malata, gente che uccide tutti, anche i bambini , che atrocità! 🙁 quanto dolore!!!

  3. Tessadri Carla ha detto:

    Non c’è tanto da commentare, fanno rabbrividire queste storie e chi potrebbe intervenire se ne sta con le mani in mano e fa a finta di non vedere. Vergognoso…ma noi cosa possiamo fare?

  4. anna ha detto:

    molto bella davvero, un incubo quotidiano che si addensa anche nel sonno. E sperando di poter risentire ancora il profumo di calycanthus, un saluto Guidopoeta.

  5. PoetaMatusèl ha detto:

    Da quando ho visto questa terribile fotografia dei bambini siriani morti, l’immagine non mi dà pace e mi ritornano le lacrime agli occhi, ogni volta che anche solo ci ripenso… Solo un grandissimo dolore e sgomento, ed immensa tristezza, soprattutto per sentirsi totalmente inermi di fronte a queste immani tragedie umane. Mentre coloro che potrebbero fare qualcosa, sono del tutto indifferenti, e pensano solo a riempirsi la pancia e il portafoglio! Che dire, poi, degli ormai quasi innumerevoli poveri disgraziati che annegano nei nostri mari, o delle ragazze indiane vittime di stupro di gruppo e poi anche di giudici imbecilli? Di che restare SENZA PAROLE! Invece, le parole arrivano, più prepotenti che mai, esigendo di essere non semplicemente dette, ma URLATEEE!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.