LE DONNE DELLE ISOLE

 

Racconti di maretta - Foto Guido Comin PoetaMatusèl

Racconti di maretta … – Foto Guido Comin PoetaMatusèl

 

A Mariateresa e Marlene

 

Le donne delle isole
hanno un fascino speciale:
profumano di scogli
e di agrumeti, di sabbia
e fichi d’India, di sere
di maretta e donate
dolci lacrime di sale.

Hanno un cuore grande,
che il mondo intero ama,
ma è grande anche la rabbia
loro, per ciò che il Mondo
– indifferentemente – nega,
ma poi ci ripensa e regala.

Le donne delle isole sono
anche maghe ammaliatrici,
subdole trappole per sciocchi
illusi, Ulisse inconsapevoli.
Profumano di monte e di
mirto; e possiedono occhi
e voci più rischiosi di
cento sirene, perché loro
altre non sono che le
nostre Donne delle Isole!

 

 

Elusiva sirena - Foto Guido Comin PoetaMatusèl

Forse elusiva sirena – Foto Guido Comin PoetaMatusèl

 

 

AUDIO * FILE * AUDIO PoetaMatusèl legge
LE DONNE DELLE ISOLE

 
 
 

  

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un enorme piacere a me, quando lo leggerò! Grazie di cuore!!   :O)

 

Copyright © 2017 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.

TOPINAMBÙR * Ovvero: Un solo fiore, giallo

 

 

AMORE! Cos’altro conta?
Perché di ODIO non se ne può davvero più!
Arcistufi di tutte quelle notizie negative,
sempre solo nere, che ogni giorno
ci sputano addosso i media,
da un mondo che sembra brutto brutto
BRUTTO?


TuffateVi in un libro fatto esclusivamente
di dolci parole, con qualche pizzico d’ironia;
di tenere parole edificanti … parole d’AMORE,
talvolta gridate, altre volte appena sussurrate,
ma sempre in VERSI! E ambientate
nello splendido scenario delle Dolomiti Bellunesi.

 

 

*** PROSSIMAMENTE SU AMAZON! ***

 

Clicca qui, per seguire i progressi del LIBRO su facebook!

 

 

PASTI POTENZIALMENTE FUNESTI

 

Spariti gli impavidi passeri – Foto Guido Comin PoetaMatusèl

 

A Dee

 

Il tempo minaccia, con nere nubi
di pioggia che freme impaziente,
e colazionare da solo con quella
(per te) scomoda sedia, da giorni
ormai anche lei di nuovo orfana,
potrebbe sul serio rivelarsi perfino
quasi fatale, almeno all’umore,
ma poi scendi tu – tuo malgrado
magari, o inconsapevole almeno –
da montaliana e salvifica nube:
falco e compagna atterriscono
alucce di impavidi passeri, che
tremano accanto all’erica nuova
del mio balcone; proprio loro che,
normalmente davvero tranquilli,
neppure questo omaccione
(quintalata quasi, però leggera!)
in un giorno qualsiasi paventano.
Ma, come i falchi, fulminea, Tu
sei già ripartita, tra nubi sparita,
e in cucina rimane, ridondante,
una lista di spesa di tua mano
– ricordi? – come me, farneticante,
ormai pure lei totalmente obsoleta.

 

 

Lista di spesa obsoleta – Foto Guido Comin PoetaMatusèl

 

 

AUDIO * FILE * AUDIO PoetaMatusèl legge
PASTI POTENZIALMENTE FUNESTI

 
 
 

  

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un enorme piacere a me, quando lo leggerò! Grazie di cuore!!   :O)

 

Copyright © 2017 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.

NEGATO PER L’ARITMETICA

 

Corte-fra-le-nuvole-Foto-Guido-Comin-PoetaMatusèl

Fantastica corte tra le nuvole – Foto Guido Comin PoetaMatusèl

 

A Silva

 

Per certi versi tu sei ormai
come morta, proprio defunta,
eppure ti sento dall’aldilà
e qui, nei miei versi, tu sembri
possibile, vera, vivissima, sì!

Riconto nei miei troppi minuti
di solitudini pallide come lune
lasciate a lungo a sbiadire nel
sole, quel sole cocente che brucia
i colori di tutti i ricordi rimasti …

Riconto, dicevo, cento piccoli
gesti preziosi che – usitati rituali –
avrai ripetuto migliaia di volte,
nel prenderti cura, per anni, di me.
Di me, che non sempre capivo.

Ora so che per ogni bacio scansato,
gesto di affetto mancato, errore
d’interpretazione, minuto distratto,
giorno perduto oppure dimenticato
non potrò più concedermi sconti.

E poi ci sono i tramonti che
non rivedremo più insieme
e i monti che non saliremo,
anche perché, senza un cane,
non avrebbero un senso reale.

E quei frivoli gracchi, giullari
di quella corte mia tra le nuvole,
mi verrebbero incontro, ma solo
a schernirmi: per avere scordato
(mi cito) “la pietra preziosa che sei”.

 

 

Pallore di luna - Foto Guido Comin PoetaMatusèl

Pallore di languida, diafana Luna – Foto Guido Comin PoetaMatusèl

 

 

AUDIO * FILE * AUDIO PoetaMatusèl legge
NEGATO PER L’ARITMETICA

 
 
 

  

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un enorme piacere a me, quando lo leggerò! Grazie di cuore!!   :O)

 

Copyright © 2017 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.

ALTRI PAESAGGI, STESSI SENTIMENTI

 

Nel folto del bosco - Foto Guido Comin PoetaMatusèl

Nel folto del bosco – Foto Guido Comin PoetaMatusèl

 

“Non perderti per niente al mondo
lo spettacolo d’arte varia …”

Paolo Conte

 

A Desara, sempre una Musa

 

Mentre il picchio nel folto del bosco
ripete incessante la sua tiritera – trita
musica, nemmeno seria percussione –
io penso che con te nei freschi boschi
non ci siamo mai passati, proprio mai.

Con te ho respirato l’aria di salsedine
della palude Stigia che ormai è il mare
nostro, l’Adriatico, nell’afa senza vento
di estati ormai lontane, di repentini
voli di gabbiani rochi e impertinenti.

Quegli altri paesaggi allora si prestarono
a sfondo o canovaccio per “spettacoli
d’arte varia” (come li chiama Conte)
di uno che s’era vagamente invaghito
di una bellezza vera, non appariscente,

eppure fresca e pura, solo irresistibile;
di due occhi troppo buoni per questo
mondo marcio, che ormai soltanto sa
rincorrere mere puttane, sedicenti belle
tutto trucco, smalto, plastica e silicone.

Ora il grande baratro d’anni che ci separano
rimane ahimè lo stesso, ma, più coraggioso,
forse potrei perfino parlarne con tuo padre,
magari solo dirgli questa cosetta semplice:
che l’Amore, come l’Arte, non si spiega!

 

 

Spoglie mortali di tante vite - Foto Guido Comin PoetaMatusèl

Spoglie mortali di tante vite – Foto Guido Comin PoetaMatusèl

 

 

AUDIO * FILE * AUDIO PoetaMatusèl legge
ALTRI PAESAGGI, STESSI SENTIMENTI

 
 

Clicca qui, per leggere
NEVI DIVERSE, PRENATALIZIE
a cui questa poesia fa riferimento!

 
 
 

  

Prezioso Visitatore che mi leggi, un breve commento, anche solo un saluto, non ti costa che un piccolissimo sforzo, però farà un enorme piacere a me, quando lo leggerò! Grazie di cuore!!   :O)

 

Copyright © 2017 Guido Comin PoetaMatusèl – Belluno, Italy. All rights reserved.

 

.